Campagna nazionale per l'efficienza energetica

08/03/2018 - 11:12:54

Efficienza, in Gazzetta il Fondo nazionale: garanzie e finanziamenti per interventi di imprese e PA


Efficienza, in Gazzetta il Fondo nazionale

(Staffetta Quotidiana.it) - Il decreto era stato firmato prima di Natale. Ora, dopo il via libera della Corte dei Conti, sbarca in Gazzetta. Parliamo dell'attesissimo decreto che definisce le modalità di funzionamento del Fondo nazionale per l'efficienza energetica, istituito con il decreto legislativo sull'efficienza 102/2014 di recepimento della direttiva Ue 2012/27. Come anticipato in dicembre, il Fondo sarà gestito da Invitalia e sarà articolato in due sezioni, una per la concessione di garanzie su singole operazioni di finanziamento, cui è destinato il 30% delle risorse, e una per l'erogazione di finanziamenti a tasso agevolato cui è destinato il 70% delle risorse. Potranno beneficiarne sia le imprese che le Pubbliche amministrazioni. Per le imprese, potranno essere finanziati in interventi di miglioramento dell'efficienza energetica dei processi e dei servizi, di installazione o potenziamento di reti o impianti per il teleriscaldamento e per il teleraffrescamento efficienti; per le Esco potranno essere finanziati interventi di miglioramento dell'efficienza energetica dei servizi e/o delle infrastrutture pubbliche, compresa l'illuminazione pubblica, di miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici destinati ad uso residenziale, con particolare riguardo all'edilizia popolare; di miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici di proprietà della Pubblica amministrazione. Importante specificazione per quanto riguarda gli impianti a biomassa: nelle regioni e province che hanno sottoscritto l'accordo di programma per il miglioramento della qualità dell'aria nel Bacino Padano del 9 giugno 2017, gli incentivi possono riguardare gli impianti alimentati da biomassa legnosa, solo se gli impianti sono al servizio di aree non coperte dalle reti di distribuzione del gas. Condizioni di accesso alle agevolazioni saranno, per le diverse misure, i requisiti richiesti dal Conto termico e, per gli interventi che non riguardano gli edifici, l'addizionalità dei risparmi secondo quanto previsto dalle linee guida per i Certificati bianchi. Le agevolazioni consistono in garanzie e finanziamenti agevolati di importo non superiore al 70% dei costi agevolabili, a un tasso fisso pari a 0,25% e della durata massima di dieci anni, oltre a un periodo di utilizzo e preammortamento commisurato alla durata dello specifico progetto. Le agevolazioni sono cumulabili con agevolazioni contributive o finanziarie nel limite del regolamento de minimis, e con gli incentivi dei Certificati bianchi. Quanto alle Pubbliche amministrazioni, possono essere agevolati progetti d'investimento per l'efficienza energetica volti alla realizzazione di interventi di miglioramento dell'efficienza energetica dei servizi e/o delle infrastrutture pubbliche, compresa l'illuminazione pubblica; di miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici di proprietà della Pubblica Amministrazione; di miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici destinati ad uso residenziale, con particolare riguardo all'edilizia popolare. Per ottenere le agevolazioni bisognerà presentare domanda per via telematica prima della data di inizio dei lavori, secondo gli schemi, le modalità e gli ulteriori parametri economico-finanziari e requisiti minimi di accesso che saranno definiti da Invitali entro sessanta giorni dall'entrata in vigore del decreto e approvati con decreti direttoriali del Mise. L'accesso ai benefici avviene secondo l'ordine cronologico di presentazione delle domande e fino ad esaurimento delle disponibilità della relativa sezione del Fondo. Ad alimentare il fondo sono i proventi della aste per i permessi di emissione di CO2, le sanzioni per il mancato rispetto degli obblighi introdotti con il dlgs 102/2014 (dalle diagnosi energetiche all'installazione di contatori, dagli obblighi in capo ai gestori di reti di teleriscaldamento a quelli in capo ai distributori elettrici e del gas in materia d contatori, finop agli obblighi dei venditori in merito a fatturazione e trasparenza). Inoltre saranno dirottate anche le dotazioni del fondo di garanzia per la realizzazione di reti di teleriscaldamento.

 

© Copyright 2016 - Italia in classe A - Campagna Nazionale per l'Efficienza Energetica.

Privacy - Note Legali - Credits